Mobilità ed espressione facciale

Può capitare che il volto perda l’espressività di una volta e che sorridere, aggrottare le sopracciglia, sogghignare e comporre altre espressioni facciali richieda sforzi consapevoli. Mentre questi tratti fisionomici non hanno influenza diretta sul linguaggio, i cambiamenti dell’espressione facciale sono importanti per essere compresi con successo e per accrescere la capacità di comunicare in modo efficace.

Per migliorare l’espressione facciale può essere utile rendersi consapevoli di come i cambiamenti di espressine si sentono e si vedono ad esempio con l’aiuto di uno specchio.

I contenuti sono stati tratti dal libro “Guida alla malattia del Parkinson” Associazione Italiana Parkinsoniani – Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson – World Parkinson Disease Association – Prof. Gianni Pezzoli e Dott.ssa Silvana Tesei, che verrà dato gratuitamente associandosi all’AIP.